www.splash.it  

 Splash > Cultura > Storia
CategorieLinkSplash
Latino | Sicilia | Tattoo | Cartoline | Dizionario 
Comuni, Impero, Papato, Signorie
Livello Superiore
Lo scontro tra Impero e Papato non si era esaurito nella lotta per le investiture risoltasi nel 1122 con il Concordato di Worms. Esso riprese con maggiore violenza nel secolo XII, perche' sia Impero che Papato desideravano rinforzare la loro influenza sui territori del regno d'Italia. Le dinastie di Sassonia e Franconia avevano nominalmente il possesso di questo regno, dove pero' di fatto dominavano i feudatari e dove soprattutto si erano create le forti autonomie dei comuni, dopo il risveglio delle citta'. Quando, dopo gravi contrasti, per la sua elezione, Federico I di Svevia, detto Barbarossa, divenne imperatore, la situazione in Italia era assai grave. Molti feudatari, e lo stesso papa, chiedevano il suo intervento contro i Comuni che s'erano formati nei loro territori. Il Barbarossa scese cosi' piu' volte in Italia con il suo esercito, tra il 1154 e il 1176, anno in cui fu gravemente sconfitto a Legnano dai liberi Comuni confederati della Lega Lombarda. Venuto a un accordo con il papa, Federico raggiunse con i Comuni, nella pace di Costanza del 1183, un compromesso per il quale, in cambio del riconoscimento della propria autorita' concedette loro l'autonomia. A Federico I, morto durante la terza crociata, segui' il brevissimo regno del figlio Enrico VI, il quale, grazie al suo matrimonio con Costanza d'Altavilla, erede dei possedimenti normanni dell'Italia meridionale, riuni' sotto di se' le tre corone di Germania, Italia e Sicilia. Alla sua morte sali' sul trono imperiale Federico II, ancora bambino, cui fece da tutore il grande papa Innocenzo III. Federico II fu un re sostanzialmente italiano: risiedette in Sicilia, dove alla sua corte nacque la prima poesia italiana, e riorganizzo' il suo Stato, amministrandolo mediante suoi funzionari, e accentrando su di se' tutti i poteri. Egli presto entro' in urto col Papato, geloso della accresciuta potenza della casa sveva. Il papa si alleo' con i Comuni, e scese a conflitto con Federico II: la guerra duro', tra alterne vicende, fino al 1250, quando improvvisamente Federico II mori'. I suoi successori non riuscirono a mantenere il potere e furono sconfitti in battaglia da Carlo d'Angio', fratello del re di Francia Luigi IX il Santo, che il papa chiamo' in aiuto. Ma anche Carlo d'Angio' venne presto in contrasto con il pontefice per la sua ambizione e irrito' con il suo malgoverno il popolo siciliano che si ribello' nei Vespri Siciliani. A Pietro d'Aragona, intervenuto a favore dei Siciliani, dopo una guerra durata vent'anni, rimase il possesso della Sicilia.

Il conflitto tra Chiesa e Impero non s'era ancora concluso quando il consolidarsi delle monarchie nazionali e l'affermarsi delle autonomie locali misero in crisi queste istituzioni universali e la stessa mentalita' medievale che esse rappresentavano. All'estinzione della dinastia sveva i feudatari tedeschi elessero un imperatore che oriento' la sua politica esclusivamente verso i problemi tedeschi: Rodolfo d'Asburgo, iniziatore d'una delle piu' potenti dinastie della storia europea. Il disinteresse del nuovo imperatore per i fatti italiani permise al Papato di riprendere la sua politica di supremazia: e con l'energico pontefice Bonifacio VIII la Chiesa torno', per breve momento, a grande potenza. Ma il conflitto apertosi tra Bonifacio VIII e l'ambizioso Filippo il Bello, re di Francia, il quale giunse a fare arrestare il pontefice, precipito' presto il Papato in uno dei periodi piu' tristi della sua storia: la cosiddetta "cattivita' avignonese", iniziata nel 1309 con Clemente V. Questo papa, la cui elezione era stata favorita da Filippo, porto' la sede del Papato ad Avignone, in Provenza. Il ritorno dei papi a Roma, dove intanto i contrasti tra le diverse fazioni e il disordine avevano portato all'episodio della repubblica popolare di Cola di Rienzo, avvenne soltanto nel 1377. Ma la lotta tra Papato e Francia non era ancora conclusa: per quarant'anni infatti si ebbero un papa residente a Roma e un antipapa, eletto dai cardinali francesi, ad Avignone. L'elezione di Martino V, da tutti riconosciuta, ricostitui' nel 1417 l'unita' spirituale della chiesa: la forza politica e il prestigio della Chiesa tuttavia non tornarono piu' ad essere quelli di un tempo.

Tra il 1200 e il 1300, nel periodo di maggior espansione dell'economia cittadina, una nuova classe si impose sul piano economico e politico, la borghesia. Essa, pur divisa all'interno da violenti contrasti, giunse presto a dividere con l'aristocrazia il governo delle citta' e, in qualche caso, ad appropriarsene. I continui contrasti e le lotte tra le fazioni rivali dei Comuni, portarono alla formazione delle Signorie, ossia di un governo accentrato nelle mani di uno solo, la cui autorita' garantiva la pace dello Stato. I signori ottenevano dal papa o dall'imperatore il riconoscimento del loro potere, divenendo cosi' vicari apostolici o vicari imperiali. Arrivarono poi a trasformare lo Stato in ereditario, assumendo titoli di tradizione feudale. Alla nascita delle Signorie e al loro rafforzamento contribuirono spesso le compagnie di ventura, sorta di milizie mercenarie che combattevano ora per un signore ora per l'altro. Tra le principali Signorie furono prima i Visconti, poi gli Sforza a Milano, gli Scaligeri a Verona, i Savoia in Piemonte e i Medici a Firenze, che riuscirono a imporsi grazie all'eccezionale abilita' politica di Lorenzo il Magnifico, per lungo tempo equilibratore di tutta la politica italiana. A Venezia, intanto, la repubblica, retta da un'oligarchia che rappresentava la classe dei ricchi commercianti e degli armatori, controllava con le sue navi il commercio del Mediterraneo: mentre il regno di Napoli viveva intanto uno splendido periodo di civilta' artistica sotto Roberto d'Angio'. Alla sua morte l'Italia meridionale passo' agli Aragonesi. Ai contrasti territoriali tra i diversi Stati, in particolare tra Milano e Venezia, pose fine, nel 1454, la pace di Lodi. L'Italia conobbe, cosi', nella seconda meta' del Quattrocento un lungo periodo di pace.

La formazione degli Stati nazionali
Dal XII secolo in poi, il rafforzamento dell'autorita' regia porto' in vari paesi europei alla formazione di Stati unitari nazionali. Le basi su cui i re fondarono, con l'aiuto della borghesia, il loro potere, furono una efficiente burocrazia, un esercito regolare e uno stabile sistema fiscale. In Francia i re Capetingi consolidarono faticosamente il loro potere e sostennero contro l'Impero e il Papato la loro autonomia. In Inghilterra il potere monarchico fu sin dall'inizio molto forte. Ma dopo il governo di Enrico II Plantageneto, il quale sottomise i feudatari e avvio' le riforme dell'amministrazione e del sistema giudiziario, i nobili e il clero imposero a Giovanni Senza Terra la "Magna Charta", il primo documento europeo che limita il potere regale. Piu' tardi, con Enrico III, nacque il primo Parlamento europeo. Il possesso di feudi francesi da parte dei re d'Inghilterra porto' queste due nazioni allo scontro nella guerra dei Cento Anni. Dopo un inizio sfavorevole, i Francesi riuscirono infine a cacciare gli Inglesi, grazie anche a Giovanna d'Arco, che seppe portarli alla riscossa. L'Inghilterra fu poi sconvolta da una logorante guerra civile, detta delle Due Rose, che porto' sul trono la dinastia dei Tudor. Nell'Europa settentrionale, intanto, le citta' commerciali, coalizzate nell'Hansa, raggiungevano un'eccezionale prosperita'. Tra il XIV e il XV secolo s'accentuava in tutta Europa il processo di formazione degli Stati moderni. Nel 1291, con l'unione di tre Cantoni ribellatisi agli Asburgo, nasceva la Confederazione svizzera. La Spagna s'avviava alla riunificazione (nel 1469) con il matrimonio tra Isabella di Castiglia e Ferdinando d'Aragona. Sin dall'inizio il potere regio in Spagna fu fortemente accentratore e legato alla Chiesa sino al fanatismo religioso. In Oriente si affermava, dopo la conquista di Costantinopoli (1453), la potenza dell'impero ottomano che giunse a minacciare nella sua espansione l'intera Europa. Dalla seconda meta' del XV secolo infine anche la Russia si avviava a diventare, per opera degli energici principi di Mosca, un grande Stato unitario.
Login
Username 
Password 
 Auto-Login 
Registrati Hai dimenticato la password?
Registrati   |   Splash in Homepage   |   Chi siamo   |   Liberatoria Legale   |   Scrivici